Ignora esplorazione
ORA DISPONIBILE

Burst dei dischi a livello di macchina virtuale

Data di pubblicazione: 13 maggio, 2020

Il burst dei dischi a livello di macchina virtuale è una nuova funzionalità che permette alle macchine virtuali di eseguire il burst delle prestazioni di I/O disco e di velocità effettiva MiB/s per un breve intervallo di tempo ogni giorno per gestire senza problemi picchi imprevisti del traffico su disco ed elaborare velocemente i processi in batch. La funzionalità è ora abilitata in tutte le macchine virtuali di Azure della serie Lsv2, con supporto per più tipi e gruppi di macchine virtuali presto disponibile. Questa funzionalità non comporta costi aggiuntivi ed è abilitata per impostazione predefinita.

Offriamo anche il burst nei dischi SSD Premium, oltre alle dimensioni P20 (512 GB) e inferiori. È consigliabile usare prodotti per burst combinati per una singola soluzione. Questo approccio ti permette di ottenere prestazioni baseline e di burst eccellenti senza necessità di provisioning eccessivo della macchina virtuale o del disco per massimizzare le prestazioni.

Ecco alcuni scenari di esempio in cui il burst può risultare efficace:

  • Gestione dei processi in batch. I carichi di lavoro di alcune applicazioni sono di tipo ciclico e richiedono quindi prestazioni baseline per la maggior parte del tempo e prestazioni più elevate per un breve periodo di tempo. Un esempio è un programma contabile che elabora ogni giorno transazioni che richiedono una quantità ridotta di traffico su disco, ma quindi esegue la riconciliazione dei report di fine mese, richiedendo una quantità superiore di traffico su disco.
  • Preparazione per i picchi di traffico. I server Web e le rispettive applicazioni possono ottenere picchi di traffico a causa di circostanze impreviste. Grazie al burst delle macchine virtuali e dei dischi che li supportano, i server Web potranno gestire senza problemi i picchi di traffico e migliorare l'esperienza clienti riducendo i tempi di caricamento in caso di traffico elevato.
  • Efficienza dei costi. Ora puoi distribuire le macchine virtuali per il rispettivo caso d'uso medio invece che per le prestazioni elevate per i picchi. Se i nuovi limiti di burst coprono le esigenze per le prestazioni per i picchi e il picco è necessario per meno di 30 minuti al giorno, non dovrai più effettuare il provisioning eccessivo della macchina virtuale per soddisfare le esigenze dei carichi di lavoro, risparmiando quindi denaro.

Altre informazioni.

  • Managed Disks
  • Services

Prodotti correlati