Ignora esplorazione
ORA DISPONIBILE

Aggiornamenti all'interfaccia utente di Log Analytics per Monitoraggio di Azure - Giugno 2019

Data di pubblicazione: 23 luglio, 2019

Ecco gli aggiornamenti all'interfaccia utente di Log Analytics per Monitoraggio di Azure per il mese di giugno 2019:

Selezione dashboard di Log Analytics

I dashboard di Log Analytics possono visualizzare le query di Log Analytics, offrendo la possibilità di cercare, correlare e condividere i dati operativi IT nell'organizzazione.

Abbiamo migliorato il processo di aggiunta al dashboard per renderlo più intuitivo e allinearlo a processi simili in Azure

Scopri di più sui dashboard di Azure e su come aggiungere query di Monitoraggio di Azure a un dashboard in questo articolo.

Nuovi controlli della griglia per funzioni di estensione, inclusione ed esclusione

Le query di Log Analytics offrono numerose funzionalità e opzioni per l'analisi e l'esecuzione di query sui log.

Abbiamo aggiunto nuovi controlli per consentire di ottenere più rapidamente informazioni dettagliate mediante l'aggiunta di più azioni direttamente dal set di risultati nell'interfaccia utente:

clip_image002

 

La funzione include aggiungerà una clausola where alla query che consentirà di filtrare solo i record conformi alla condizione. In questo esempio, la selezione del pulsante "= include" permetterà di creare la clausola where seguente nella query:

|where TenantId == "50e1c476-7a43-4a49-a683-65f0c96fd3e7"

In modo analogo la funzione exclude escluderà tramite filtro alcuni record dalla query:

|where TenantId != "50e1c476-7a43-4a49-a683-65f0c96fd3e7"

Il nuovo controllo Extend per colonne è molto utile nei casi in cui una query contiene codice JSON annidato in una delle colonne. La selezione del controllo di colonna Extend permetterà di creare una clausola di estensione nella query per l'elemento di dati selezionato.

Strumenti per l'ottimizzazione delle query

I log di Monitoraggio di Azure costituiscono un sistema estremamente flessibile, che permette la composizione di diversi tipi di query che includono più origini dati.

In alcuni casi le query sono così complesse che non è possibile completarle in un intervallo di tempo ragionevole.

Uno dei motivi principali per questo problema è costituito da query in esecuzione in più aree di lavoro di Log Analytics in aree geografiche diverse.

Per scoprire di più sulla configurazione dei log di Monitoraggio di Azure, vedi questo collegamento.

Per migliorare la situazione, abbiamo creato un sistema di ottimizzazione progettato per permettere la definizione di ambiti nelle query mediante la selezione esplicita delle aree dati in cui eseguire le query.

Nei casi in cui i log di Monitoraggio di Azure rilevano una query non ottimale verrà visualizzato un avviso di utilità pratica:

Annotazione 2019-07-09 111357

Potrai quindi selezionare un ambito di area dati in cui eseguire la query, migliorando l'ottimizzazione della query:

Annotazione 2019-07-09 111541

Nota che è possibile che le query non ottimali non vengano rese operative e che quindi alcune opzioni, tra cui l'esportazione in Power BI e l'aggiunta al dashboard, non siano disponibili fino all'ottimizzazione della query.

Per scoprire di più sulle limitazioni delle query nei log di Monitoraggio di Azure, vedi questo collegamento.

 

Prova subito questi nuovi aggiornamenti per il portale e inviaci il tuo feedback!

  • Log Analytics
  • Monitoraggio di Azure
  • Features

Prodotti correlati