Ignora esplorazione

Condizioni di utilizzo delle Istanze di macchine virtuali riservate di Azure

Ultimo aggiornamento: Novembre 2017

Le presenti condizioni di utilizzo costituiscono il contratto tra Microsoft Corporation (o, in base al luogo di residenza dell'utente, una delle sue consociate) e l'utente. Il contratto è composto dalle condizioni riportate di seguito e dalle condizioni dell'Offerta per la sottoscrizione dell'utente relativa alle Istanze di macchine virtuali riservate. Le Istanze di macchine virtuali riservate costituiscono un'offerta del Marketplace e sono concesse in licenza separatamente dal Contratto clienti dell'utente, tuttavia, le Condizioni dei Servizi Online applicabili ai servizi Microsoft Azure sono incorporate nelle presenti Condizioni di utilizzo e saranno applicabili alle Istanze di macchine virtuali riservate.

Le presenti Condizioni di utilizzo si applicano alle Istanze di macchine virtuali riservate, così come a qualsiasi software, aggiornamento, supplemento e servizio di supporto Microsoft per le Istanze di macchine virtuali riservate, a meno che i suddetti siano accompagnati da specifiche condizioni.

  1. Definizioni.
    1. “Contratto clienti” indica il contratto in forza del quale l'utente ha ottenuto i servizi Microsoft Azure da Microsoft, e qualsiasi patto successivo a tale contratto stipulato durante la durata delle Istanze di macchine virtuali riservate dell'utente.
    2. “Offerta” indica i prezzi, le condizioni e i dettagli relativi applicabili all'offerta di Istanze di macchine virtuali riservate.
    3. “Istanza di macchina virtuale riservata” indica una Istanza di macchina virtuale riservata pubblicata da Microsoft e resa disponibile su Azure Marketplace.
  2. Diritti sull’utilizzo.
    1. Utilizzo in Microsoft Azure. In base alle condizioni del presente contratto, Microsoft riconosce all'utente il diritto di accedere e utilizzare Istanze di macchine virtuali riservate e di installare e utilizzare qualsiasi software fornito da Microsoft con le Istanze di macchine virtuali riservate solo per l'utilizzo con il servizio. Microsoft si riserva tutti gli altri diritti.
    2. Programmi di terzi. Le Istanze di macchine virtuali riservate possono includere uno o più programmi di terzi. Se un programma di terzi è elencato in un file “Avvisi di terzi” fornito da Microsoft, troveranno applicazione le condizioni previste in tale file. In caso contrario, l'utilizzo di tali programmi sarà disciplinato dalle condizioni incorporate o allegate a tali programmi. In ogni caso, si applicano anche le dichiarazioni di non responsabilità e le limitazioni e le esclusioni di danni riportate di seguito.
  3. Condizioni del Contratto clienti Le disposizioni riguardanti quanto segue indicate nel Contratto clienti dell'utente sono incorporate nelle presenti Condizioni di utilizzo nella stessa misura in cui si applicano ai servizi Microsoft Azure. difesa dai reclami di terzi, assegnazioni, restrizioni all'esportazione, legge applicabile e controversie.
  4. Garanzia. Le Istanze di macchine virtuali riservate sono fornite “così come sono”. Microsoft non riconosce garanzie o condizioni esplicite. Il presente contratto non modifica le garanzie imperative o i diritti dei consumatori aggiuntivi riconosciuti all'utente dalle leggi locali. Nella misura massima consentita dalla legge applicabile, Microsoft esclude ogni garanzia implicita, incluse garanzie di commerciabilità (qualità non inferiore alla media), adeguatezza per uno scopo specifico e non violazione di diritti di terzi.

    Per l'Australia: l'utente è soggetto alle garanzie di legge previste ai sensi della Legge Australiana a Tutela dei Consumatori (Australian Consumer Law) e nessuna disposizione contenuta nelle presenti condizioni influisce su tali diritti.

  5. Limitazione di Responsabilità ed Esclusione di Rimedi e Danni. Le Istanze di macchine virtuali riservate costituiscono un'offerta del Marketplace e sono concesse in licenza separatamente dal Contratto clienti dell'utente, tuttavia, le Condizioni dei Servizi Online applicabili ai servizi Microsoft Azure sono incorporate nelle presenti Condizioni di utilizzo e saranno applicabili alle Istanze di macchine virtuali riservate. L’utente non potrà richiedere a Microsoft il risarcimento per eventuali altri danni, inclusi i danni consequenziali, speciali, indiretti, punitivi o incidentali, o i danni derivanti da una qualsiasi perdita di profitti, ricavi, dati o utilizzo di dati determinata o correlata alle Istanze di macchine virtuali riservate.