Ignora esplorazione
ORA DISPONIBILE

Le macchine virtuali HPC (High-Performance Computing) sono ora disponibili nelle aree Stati Uniti occidentali 2 e Stati Uniti orientali

Data di pubblicazione: 06 giugno, 2019

Le macchine virtuali della serie HC, progettate per offrire prestazioni e scalabilità di livello supercomputer con il migliore rapporto tra prezzo e prestazioni disponibile sul cloud pubblico, sono ora disponibili a livello generale nelle aree Stati Uniti occidentali 2 e Stati Uniti orientali.

Una singola VM HC offrirà prestazioni 2 o 3 volte più veloci rispetto ai server disponibili attualmente nei data center locali della maggior parte dei clienti HPC. I clienti possono anche eseguire applicazioni HPC basate su MPI in un massimo di 300 VM e 13.200 core CPU

Le VM della serie HC sono ottimizzate per applicazioni a elevato utilizzo di calcolo, ad esempio applicazioni per analisi degli elementi impliciti limitati e chimica computazionale. Le VM HC offrono 44 core del processore Intel Xeon Platinum 8168, 8 GB di RAM per core CPU e nessun hyperthreading. La piattaforma Intel Xeon Platinum supporta l'ecosistema Intel avanzato di strumenti software come Intel Math Kernel Library e Intel Parallel Studio XE, e offre per tutti i core una velocità di clock superiore a 3 GHz per la maggior parte dei carichi di lavoro.

Le VM HC sono interconnesse tramite 100 Gb EDR InfiniBand, supportano i driver OFED e tutti i verbi RDMA e utilizzano schede di interfaccia di rete Mellanox ConnectX-5 con accelerazione hardware per funzioni MPI collettive. Nelle VM HC i clienti possono ottenere latenze MPI fino a 10 volte inferiori rispetto alle opzioni di rete disponibili altrove sul cloud pubblico.

Le VM della serie HC possono connettersi facoltativamente a Cray ClusterStor nel sistema di archiviazione di Azure per esigenze di archiviazione a prestazioni elevatissime.

Altre informazioni

  • Macchine virtuali
  • Regions & Datacenters
  • Services

Prodotti correlati