Sono ora disponibili riferimenti a Key Vault nel Servizio app e in Funzioni di Azure

Data di pubblicazione: martedì 15 ottobre 2019

Offri la gestione dei segreti nelle tue app senza modifiche al codice usando i riferimenti a Key Vault, ora disponibili a livello generale.

Sempre più organizzazioni adottano criteri di gestione dei segreti, in cui i segreti vengono archiviati centralmente con aspettative correlate alla scadenza e al controllo di accesso. Azure Key Vault offre queste funzionalità di gestione per le tue applicazioni in Azure, ma alcune applicazioni non possono accettare con facilità modifiche al codice per avviare l'integrazione con Azure. I riferimenti a Key Vault offrono una modalità per introdurre la gestione dei segreti nella tua app senza modifiche al codice.

Le app ospitate nel Servizio app e in Funzioni di Azure possono ora semplicemente definire un riferimento a un segreto gestito in Key Vault come parte delle impostazioni delle applicazioni. L'identità del'app assegnata dal sistema viene usata per recuperare in modo sicuro il segreto e renderlo disponibile alle app come variabile di ambiente. I team possono quindi semplicemente sostituire i segreti esistenti archiviati nelle impostazioni dell'app con riferimenti allo stesso segreto in Key Vault e l'app continuerà a funzionare normalmente. Questo supporto passa alla disponibilità generale per tutte le opzioni di hosting in cui è stato disponibile in anteprima, ovvero Piano di servizio app, Ambiente del servizio app, piano A consumo di Funzioni di Azure (Windows) e piano Premium di Funzioni di Azure. Il supporto per il piano A consumo di Funzioni di Azure per Linux sarà presto disponibile.

Per altre informazioni, vedi la documentazione.

  • Funzioni di Azure
  • Servizio app
  • Servizio app (Linux)
  • Key Vault
  • Features
  • Security