Ignora esplorazione
ORA DISPONIBILE

La funzionalità Gateway self-hosted di Gestione API è ora disponibile a livello generale

Data di pubblicazione: 29 aprile, 2020

Offre nuove opzioni di distribuzione ed espande il supporto di Gestione API per ambienti ibridi e con più cloud diffusi tra i clienti aziendali.  Grazie al Gateway self-hosted, i clienti possono ridurre i costi e incrementare l'efficienza operativa consolidando la gestione e l'osservabilità di tutte le API, ospitate in Azure, in locale e in altri cloud, in un singolo servizio Gestione API senza compromettere la latenza, la sicurezza, la privacy o la conformità.

Il Gateway self-hosted è una versione con funzionalità equivalenti del componente gateway di Gestione API usato nel cloud di Azure, incluso in un pacchetto come immagine del contenitore Docker basata su Linux. I clienti possono condividere la posizione dei gateway self-hosted con le implementazioni API, tramite l'esecuzione in Docker per la valutazione o lo sviluppo oppure in Kubernetes in produzione. Il Gateway self-hosted è collegato e basato su un servizio Gestione API per la gestione. Invia log e metriche ad Azure e può essere anche configurato per l'invio locale. Il Gateway self-hosted richiede la connettività ad Azure ma è resiliente in caso di perdita intermittente di connessione.

Per altre informazioni sul Gateway self-hosted, vedi questo articolo di panoramica.

È facile iniziare a usare il gateway self-hosted. Segui le istruzioni disponibili qui per provarlo in Docker e le istruzioni disponibili qui per provarlo in Kubernetes.

Vedi altre informazioni sulla disponibilità e sui prezzi

  • Gestione API
  • Features
  • Services

Prodotti correlati