ORA DISPONIBILE

Aggiornamento a Gestione API di Azure - Febbraio 2020

Data di pubblicazione: 24 febbraio, 2020

Il 20 febbraio 2020 è stato avviato un aggiornamento del servizio Gestione API di Azure che include le nuove funzionalità, le correzioni di bug e le modifiche seguenti, oltre ad altri miglioramenti.

Novità

  • Puoi usare la nuova proprietà logClientIp in Diagnostica (a livello globale e a livello di API) per nascondere l'indirizzo IP del client nei log. Gli indirizzi IP verranno sostituiti con 0.0.0.0.
  • Ora puoi usare la proprietà disableGateway per disabilitare il traffico dell'API nei gateway API a livello di area. Ad esempio:
    • Dopo avere aggiunto una nuova area, puoi mantenerla inizialmente disabilitata per configurare e testare prima di tutto il servizio back-end a livello di area.
    • Quando un back-end a livello di area viene interessato da un errore, puoi disabilitare l'area in modo da reindirizzare automaticamente le richieste dell'API a un'area integra.

Questa proprietà è supportata nella versione 2019-12-01-preview dell'API e nelle versioni successive e non è supportata nei servizi distribuiti nelle reti virtuali interne. Non è possibile disabilitare tutte le aree.
Nell'esempio seguente l'area "Stati Uniti orientali" è stata disabilitata ma la posizione principale, "Stati Uniti occidentali", è ancora attiva.

clip_image002

  • Ora puoi monitorare il nuovo endpoint gcs.prod.monitoring.core.windows.net di GCS con l'API Stato della rete per assicurare la connettività se il servizio viene distribuito in una rete virtuale. L'accesso a questo endpoint è necessario per il funzionamento delle funzionalità di monitoraggio e registrazione.
    L'endpoint prod.warmpath.msftcloudes.com verrà deprecato a breve.

Fisso

  • La latenza dei client non viene più attribuita erroneamente alla latenza di Gestione API nei log di Monitoraggio di Azure.
  • I servizi del livello Consumo non espongono più i dettagli degli errori dei server interni ai client.

Modifiche apportate

  • I campi dei messaggi e dei metadati dei criteri di traccia possono ora restituire solo stringhe, non qualsiasi tipo di oggetto.
  • L'associazione personalizzata ai domini verrà rimossa automaticamente dai servizi del livello Consumo alla rispettiva attivazione se il certificato collegato è scaduto.
  • La proprietà subscriptionRequired di un oggetto API viene ora restituita sempre nel payload. In precedenza era possibile che fosse omessa se il rispettivo valore era true.

Il portale per sviluppatori segue un ciclo di vita indipendente per le versioni e il log delle modifiche per ogni versione è disponibile su GitHub.

Altre informazioni.

  • Gestione API
  • Features

Prodotti correlati