IN ANTEPRIMA

Annuncio dell'aggiornamento dell'anteprima per Zone private di DNS di Azure

Data di pubblicazione: 26 giugno, 2019

Siamo lieti di annunciare la versione aggiornata per Zone private di DNS di Azure (anteprima). Zone private di DNS di Azure (anteprima) offre la risoluzione dei nomi sicura e affidabile per le tue reti virtuali in Azure. L'aggiornamento dell'anteprima introduce nuove funzionalità ed elimina numerose restrizioni presenti nell'anteprima pubblica.

Novità dell'aggiornamento dell'anteprima

Modello di risorsa e API nuovi

L'aggiornamento dell'anteprima introduce un nuovo modello di risorsa (API REST) per le zone private di DNS di Azure. Il modello di risorsa include le modifiche seguenti:

  • Zone private di DNS di Azure sarà ora una risorsa di Azure Resource Manager di primo livello indipendente denominata privateDnsZones e non più un "tipo" di risorsa dnszones pubblica esistente.
  • La risorsa privateDnsZones non includerà le proprietà di rete virtuale registrationVirtualNetwork e resolutionVirtualNetwork. Le reti virtuali saranno collegate a una risorsa privateDnsZones tramite la creazione di una sottorisorsa virtualNetworkLinks nella risorsa privateDnsZones.
  • Per abilitare la registrazione automatica dei record DNS per le macchine virtuali, imposta il flag registrationEnabled nelle proprietà della risorsa virtualNetworkLinks su true.
  • Abbiamo anche reso disponibili una nuova interfaccia della riga di comando/PowerShell e nuovi SDK per privateDnsZones.

Fai clic qui per le linee guida aggiornate su come usare la nuova interfaccia della riga di comando e PowerShell per creare zone DNS private e collegarle alle tue reti virtuali.

Nuova esperienza del portale

Una nuova esperienza del portale per Zone private di DNS di Azure ti permetterà di gestire le zone DNS private e le relative reti virtuali collegate dal portale di Azure. Potrai anche visualizzare i record delle risorse registrati automaticamente per le macchine virtuali nella zona DNS privata. Fai clic qui per iniziare a creare zone DNS private tramite il portale di Azure.

 

PrivateDNSPortal

Nota: le tue zone DNS private esistenti non verranno visualizzate in questa esperienza se non è stata eseguita la migrazione al nuovo modello di risorsa (vedi sotto). Puoi, tuttavia, creare nuove zone DNS private e collegarle alle reti virtuali.

Limiti migliorati

L'anteprima pubblica prevedeva numerosi limiti, ad esempio limiti per il numero di reti virtuali che possono essere collegate a una zona DNS. Questi limiti sono stati sostanzialmente rimossi. Fai clic qui per visualizzare i nuovi limiti.

Le restrizioni seguenti sono state rimosse

  • Potrai collegare le reti virtuali non vuote esistenti alle tue zone DNS private. Non è più necessario che la rete virtuale sia vuota.
  • Potrai collegare più di una rete virtuale come reti virtuali di registrazione a una zona DNS privata.
  • Inoltre, avrai la possibilità di creare sottodomini e di collegarli alle stesse reti virtuali. Ad esempio, se hai creato una zona DNS privata denominata contoso.com e l'hai collegata a una rete virtuale, potrai creare il sottodominio sottodominio.contoso.com e collegarlo alla stessa rete virtuale.

Migrazione delle zone esistenti al nuovo modello di risorsa

Le zone DNS privato che hai già creato continueranno a funzionare normalmente. Tuttavia, con queste zone non potrai usufruire dei vantaggi dei limiti migliorati o delle nuove funzionalità. Le zone continueranno a essere visualizzate nell'elenco con le zone DNS pubbliche nel portale di Azure ma non verranno mostrate nella nuova esperienza delle zone DNS private. Ti consigliamo di eseguire la migrazione delle zone DNS private esistenti al nuovo modello di risorsa non appena possibile.

Fai clic qui per le istruzioni dettagliate su come eseguire la migrazione delle tue zone DNS private.

 

Riferimenti

Che cos'è DNS privato di Azure?

Scenari di Zone private di DNS di Azure

Domande frequenti su DNS privato di Azure

  • Azure DNS
  • Features
  • Services

Prodotti correlati