Che cos'è un'istanza protetta?

Un'istanza protetta fa riferimento al computer, al server fisico o virtuale usato per configurare il backup in Azure. Dopo aver configurato i criteri di backup per il computer, il server o il database e creato una copia di backup dei dati, un'istanza è protetta. Per le copie successive dei dati di backup, cambia la quantità di spazio di archiviazione utilizzata, ma le copie di backup aggiuntive non vengono conteggiate ai fini del numero di istanze protette. Gli esempi comuni di istanze protette includono macchine virtuali, server applicazioni e personal computer che eseguono il sistema operativo Windows. Ad esempio:

  • Una macchina virtuale che esegue l'infrastruttura hypervisor Hyper-V o Azure IaaS. I sistemi operativi guest per queste macchine virtuali possono essere Windows Server o Linux.
  • Un server applicazioni con un computer fisico o una macchina virtuale che esegue Windows Server e carichi di lavoro con dati da sottoporre a backup. I carichi di lavoro comuni sono Microsoft SQL Server, Microsoft Exchange Server, Microsoft SharePoint Server, Microsoft Dynamics e il ruolo File server in Windows Server. Per effettuare il backup o proteggere questi carichi di lavoro, è necessario il server di Backup di Azure o System Center Data Protection Manager (DPM).
  • Un personal computer che esegue il sistema operativo Windows.
  • SQL Server inclusi tutti i database nel server. Se si sceglie di effettuare il backup di un'infrastruttura hypervisor di macchine virtuali e il relativo carico di lavoro guest, l'infrastruttura hypervisor e il carico di lavoro guest sono considerati come istanze protette distinte e vengono addebitate separatamente.

Backup di Azure

Domande e risposte correlate

  • Il nuovo modello di determinazione dei prezzi per Backup di Azure è composto da due componenti:

    • Istanze protette: si tratta dell'unità di fatturazione principale per Backup di Azure. I clienti pagano per il numero di istanze protette con il servizio Backup di Azure.
    • Archiviazione: i clienti possono scegliere tra archiviazione con ridondanza locale o archiviazione con ridondanza geografica per l'insieme di credenziali di backup. Il prezzo netto per l'archiviazione dipende dalla quantità di dati archiviati nel servizio. Questi due componenti sono riportati su righe separate nella fattura mensile di Azure.
  • La pagina del dashboard dell'insieme di credenziali per il backup mostra i dati totali della macchina registrata nell'insieme di credenziali. La pagina mostra anche il tipo di archiviazione usato per l'insieme di credenziali per il backup.

  • Ai clienti non vengono addebitate le operazioni di ripristino né la larghezza di banda di rete in uscita (traffico in uscita) associata a tali operazioni.

  • ExpressRoute charges are not covered by Azure Backup. The customer will continue to pay for Azure Backup independently and for ExpressRoute based on the port speed that has been selected.

  • Tutti i dati archiviati con Backup di Azure vengono fatturati in base alle tariffe delle risorse di archiviazione di backup indicate in precedenza, per il tempo per cui i dati vengono conservati in Backup di Azure. Il prolungamento del periodo di conservazione non influisce tuttavia sul prezzo del software per le istanze protette. Per garantire l'applicazione di questo comportamento, è necessario che nella macchina sia installata la versione più recente dell'agente di Backup di Azure.

  • Analogamente all'attuale piano tariffario, non devi pagare per le transazioni di archiviazione con Backup di Azure. Queste sono già comprese nella tariffa software.